Taurasi DOCG 2019

Barrique di Rovere

24.99 

Soprannominato il “Barolo del Sud” questo vino si presenta di colore rosso porpora con sentori di amarena, confettura di frutti rossi e leggera speziatura. Al gusto è pieno, equilibrato, con tannini morbidi ed un finale intenso di frutti rossi, caffè, cacao e spezie.

Si abbina perfettamente a ragù di carne rossa, cacciagione di cinghiale, stracotto, selvaggina e formaggi ben stagionati

 

3 disponibili

Qty:
Denominazione

Taurasi DOCG 2019

Uve

Aglianico 100%

Annata

2019

Colore

colore rosso porpora tendente al granato

Profumo

amarena, confettura di frutti rossi e leggera speziatura.

Tecniche di vinificazione

le uve raccolte a mano, diraspate e pigiate vengono sottoposte a fermentazioni di 25/30 giorni

Affinamento

18 mesi in Barriques più 12 mesi in Bottiglia

Gusto

pieno, equilibrato, con tannini morbidi e finale intenso di frutti rossi, caffè, cacao e spezie

Abbinamenti

Selvaggina, ragù di carne rossa, cacciagione di cinghiale, stracotto, selvaggina e formaggi ben stagionati

Alcol

14.5%

Formato

0.75 L

COD: Taurasi DOCG 2019 Categorie: , Tag:

Descrizione

Taurasi DOCG 2019

Dal colore rubino e di sapore intenso, il Taurasi è uno dei tanti prodotti d’eccellenza dell’enogastronomia campana. Dall’Irpinia proviene il Taurasi classificato DOCG che si distingue per caratteristiche uniche, come il vitigno da cui nasce.

Il Taurasi DOCG proviene dal vitigno Aglianico, diffuso nel Meridione ma principalmente presente in Campania tra le province di Benevento e Avellino. Si ritiene che questo tipo di vitigno sia stato importato dai coloni greci tra il VII e il VI sec. a.C. anche se meno certa è l’origine del nome. Al contrario, “Taurasi” potrebbe molto probabilmente derivare dall’antica città irpina di Taurasia, distrutta dai romani nel 268 a.C. e la cui esatta collocazione geografia è ancora oggetto di discussione tra gli studiosi.

 

Caratteristiche

La meraviglia del Taurasi DOCG si riconosce già all’occhio: colore rubino intenso tendente al granato e che, quando invecchia, acquista delle gradevoli sfumature arancioni. Infatti, più di altri prodotti simili, il Taurasi si presta meglio a lunghi invecchiamenti grazie alla sua mineralità e alcolicità. Altra peculiarità è l’odore gradevole dall’intensità variabile, mentre all’assaggio il vino si presenta equilibrato e asciutto con un retrogusto persistente.

Le qualità descritte si devono al raffinato processo di produzione. Le uve raccolte a mano, diraspate e pigiate vengono sottoposte a fermentazioni di 25/30 gg, con affinamento di 18 mesi in barriques ed altri 12 mesi  in bottiglia.

 

Ti potrebbe interessare…